Poco distante da Sarzana invece degni di nota sono “Il Palio del Golfo” a La Spezia durante il quale i 13 paesi del Golfo dei Poeti sfilano per la città ed infine si sfidano a bordo delle loro imbarcazioni e lo “Sbarco dei Pirati” a Cadimare durante il quale la simpatica cittadina torna indietro nel tempo e viene letteralmente assediata dai pirati.

L’UNESCO nel 1997 ha iscritto Portovenere, le Cinque Terre e le isole di PalmariaTino e Tinetto, nella lista del Patrimonio dell’Umanità. Sono tutti luoghi poco distanti da Sarzana, e parte della provincia di La Spezia.Portovenere è nota per la sua spettacolare bellezza paesaggistica, caratterizzata da una costa frastagliata e da una pittoresca architettura urbana fatta di facciate colorate e una chiesa arroccata sul mare fatta di marmo e ardesia. Le vicine isole di PalmariaTino e Tinetto fanno tutte parte del comune di Portovenere e sono raggiungibili in estate attraverso alcuni collegamenti dalle maggiori località della terraferma e da imbarcazioni private durante tutto il resto dell’anno. Non mancano di stupire i cinque paesi della riviera ligure di Levante, noti in tutto il mondo ed elencati da ovest verso est in MonterossoVernazzaCorniglia,  ManarolaRiomaggiore, meglio conosciuti come le Cinque Terre con annesso il loro parco naturale che si estende dal mare con i suoi siti di immersione fino alle colline ricche di sentieri fra i boschi.

MERCATINO REGIONALE FRANCESE

Intorno a metà settembre a Sarzana è usanza incontrare i profumi, i sapori ed i colori d’oltralpe grazie al Mercatino Regionale Francese: una ghiotta occasione per conoscere i prodotti dell’enogastronomia di quei luoghi. È Piazza Matteotti a fare da cornice all’evento e proprio qui si possono trovare ed assaggiare baguettes e croissants appena sfornati, biscotti, formaggi e vini provenienti da tutte le regioni della Francia, accanto a spezie e frutta secca dei Caraibi francesi. Assieme alla Gastronomia, arrivano dalla Francia direttamente a Sarzana, anche prodotti artigianali come stoffe, tovaglie, saponi e profumi della Provenza e tanto altro. Per un weekend sarà così possibile sentirsi come nella romantica Francia pur rimanendo a due passi dalla vita quotidiana.

Per gli amanti del mare, la zona balneare di Sarzana si chiama Marinella di Sarzana. Geograficamente è parte della Lunigiana marittima e caratterizzata da una spiaggia sabbiosa e acque poco profonde. Poco lontano da qui si incontrano le più note località marittime di Marina di Carrara e la Versilia con la sua Viareggioche oltre alle spiagge offre una vasta scelta di locali e ristoranti per animare le serate estive.

FESTIVAL DELLA MENTE

Il Festival della Mente è il primo festival europeo dedicato alla creatività: Un momento d’incontro per l’approfondimento culturale, dedicato ai processi creativi, alle idee e anche alla messa in scena della creatività.

Dal 2004 ad oggi tutti gli anni si è svolto il primo fine settimana di settembre, nel borgo medioevale di Sarzana su iniziativa della Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia e del Comune di Sarzana muovendo circa 40.000 visitatori. Gli incontri prevedono tutti un piccolo contributo, quelli passati sono però presenti gratuitamente con audio e video sul web.

Ogni anno sono prevosti incontri, workshop, laboratori, spettacoli con artisti, scienziati, filosofi, neuro-scienziati, intellettuali sia italiani che stranieri, sul tema della creatività e dei processi creativi. Non è difficile trovare, in quei tre giorni, famosi matematici, illustri filosofi, affermati professionisti, artisti, musicisti, attori, scrittori, al bar di tutti i giorni a discorrere con il pubblico. La manifestazione, e quindi gli incontri, si sviluppano nel giro di tre giorni e animano angoli significativi e suggestivi del borgo di Sarzana (la Cittadella Firmafede, il Chiostro di San Francesco, il Teatro Impavidi e Piazza Matteotti).

Inerenti al Festival sono stati scritti anche 20 volumi della collana chiamata proprio ‘i Libri del Festival della Mente’, pubblicata da Laterza e diretta da Giulia Cogoli; in questi volumi, si sviluppano temi che i grandi pensatori delle arti e delle scienze hanno affrontato nel corso del festival e non solo.

LA CALANDRINIANA

Nel mese di Agosto, a Sarzana in piazza Calandrini (dalla quale la manifestazione prende il nome), si tiene la Calandriniana: un bellissimo laboratorio all’aperto dove i pittori dipingono permettendo ai passanti di vedere un quadro prendere vita. La disposizione degli artisti, in cerchio, crea un ambiente raccolto e dalla grande atmosfera è possibile vedere il nome di ogni artista appeso di fianco alla tela con delle mollette come panni stesi: un’atmosfera insomma da non perdere. Tanti sono gli artisti che ogni anno partecipano e si dilettano nel dipingere in strada e tante sono anche le persone che incuriosite che vengono in questi giorni a Sarzana, tanto che la Calandriniana è giunta ormai alla trentaquattresima edizione. Il logo ideato per l’evento è stato ispirato dalle imposte tipiche liguri e vuole indicare l’apertura di una finestra sull’affascinante mondo della pittura.

Acoustic Guitar Meeting

La manifestazione, nata nel 1998, si svolge annualmente nel mese di maggio nella città di Sarzana (La Spezia), all’interno della Fortezza Firmafede organizzato dall’Associazione Culturale “Armadillo Club”. L’ACOUSTIC GUITAR MEETING si pone come uno dei più importanti eventi internazionali dedicato alla chitarra ed alla sua musica, punto di riferimento del settore sia nel campo della ricerca artistica sia nel campo della costruzione e vendita in Italia di questo affascinante e diffusissimo strumento musicale.

Il progetto artistico del Meeting si propone di esplorare in tutta la sua completezza il mondo musicale della chitarra acustica, attraverso un ricco ed articolato programma non stop: corsi di formazione, concorsi, esposizioni, conferenze ed esibizioni si susseguono per tutta la durata della manifestazione.

Luni è stata un’antica colonia romana, che ha dato origine a sua volta alla città di Sarzana e da cui ha preso il nome l’intera regione storica della Lunigiana. Probabilmente la colonia romana nasce con il nome di luna, nel II secolo avanti Cristo. La città nel tempo si sviluppa grazie anche al suo porto fluviale (portus Lunae) nel quale venivano scambiati prodotti e materiali provenienti dalle Alpi Apuane, tra tutti il marmo. Secondo gli storici infatti la città a suo tempo era caratterizzata da diverse architetture ornamentali, di cui rimane traccia ancora oggi nelle rovine rinvenute alla luce nel territorio circostante: pietre, mosaici, statue oggi ospitate nel vicino museo archeologico. Lotte feudali, disastri climatici e ambientali, malaria, aumentarono la decadenza dell’abitato, che venne del tutto abbandonato all’inizio del XIII secolo a favore del nucleo abitativo che andava formandosi nell’attuale città di Sarzana.

Festa napoleonica

Anticamente, durante la guerra fra Guelfi e Ghibellini la famiglia Bonaparte ha vissuto a Sarzana, per questo la città ha deciso di dedicarvi una manifestazione rendendo omaggio all’imperatore non solo con una rievocazione storica fatta di persone che indossano antichi e pregiati costumi e di simulazioni di guerra, ma anche una ricca lista di studi e convegni sull’argomento. Ogni anno alla fine di settembre viene simulata una battaglia con tanto di cannoni e armi storiche risalenti proprio al Primo Impero. La piccola guerriglia è poi affiancata da proiezioni di film, discussione di libri, incontri con storici e appassionati della storia di Napoleone, un mercatino dove acquistare libri, stampe e oggetti da collezionismo e infine un’immancabile esposizione di antiquariato chiamata “Stanze Neoclassiche” e che mette in mostra antichi e pregiati mobili dell’epoca neoclassica e imperiale.

L’intero territorio della Lunigiana è caratterizzato da numerosi castelli di tipo medievale. Si consideri per esempio l’area di Aulla. Sono di particolare interesse storico e architettonico: la Fortezza della Brunella, una costruzione quadrangolare probabilmente costruita verso la fine del Quattrocento, oggi sede del Museo di storia naturale della Lunigiana; il castello di Bibola, che sovrasta l’omonimo borgo, risultato da un insieme di costruzioni delle XII secolo ed oggi visibile nella sua pianta quadrilatera e con due torri circolari; i ruderi del castello di Bigliolo, che fu di proprietà dei marchesi di Filattiera con Bernabò Malaspina, e la cui unica testimonianza è oggi rappresentata da alcune delle torri cilindriche; i resti del castello di Olivola, appartenente nel XIV secolo ai Malaspina; diversi altri castelli sparsi in tutta la Lunigianatra cui in particolare quelli di Fosdinovo, castello della Verrucolacastello di Gragnolacastello di Malgrate e tantissimi altri ancora.

SOFFITTA NELLA STRADA

La Soffitta è una delle manifestazioni di genere più antiche d’Italia, Sarzana fu scelta proprio per le antiche botteghe che qui sono aperte da secoli. Alla ”Soffitta nella strada” partecipano espositori di tutto il mondo che nel mese di agosto arrivano a Sarzana per animare il centro storico.

La soffitta in strada è ritenuta una delle più importanti della nostra città. La merce deve essere conforme alle caratteristiche della manifestazione perciò viene controllata da una commissione che determina se gli oggetti siano tipici dell’ antiquariato, con un adeguato requisito estetico e una percepibile storicità. In questa occasione è possibile trovare diverse cose: da importanti mobili di antiquariato, a oggetti di modernariato e di design, da abiti vintage, a pellicce ed accessori d’epoca, da gioielli antichi di notevole pregio, alla bigiotteria ricercata, gioielli etnici e molto altro ancora come tappeti, pizzi antichi, pezzi di antiquariato orientale, quadri, stampe, libri antichi, oggetti da collezione.

“La Soffitta nella Strada”,è ormai arrivato alla cinquantesima edizione ed anche i più piccoli possono partecipare. Il progetto “La Soffitta dei Bambini” è proprio un progetto che punta al loro coinvolgimento nella manifestazione, a loro verrà dedicato uno spazio nella piazzetta antistante la Cittadella dove potranno allestire, come da tradizione, le loro bancarelle per poi scambiarsi oggetti con i loro coetanei.

SARZANA IN TAVOLA

Sarzana in Tavola è una rassegna enogastronomica che inneggia alle tradizioni della Val di Magra, organizzata dalla CNA del borgo di Sarzana la seconda settimana di Agosto. In questa occasione, numerose aziende e produttori alimentari raggiungono ogni anno la cittadina in provincia di Spezia per deliziare gli abitanti e i visitatori con ravioli, testaroli, acciughe, torte di verdure, crostini e tanti altri prodotti del territorio magari accompagnati dal buon vino dell’enoteca ligure. L’obiettivo dell’evento è quello di valorizzare i prodotti locali. Grazie all’amministrazione comunale, sempre presente all’apertura dei festeggiamenti, ed agli operatori che la manifestazione è diventata d’eccellenza: una grande occasione di attrazione turistica e di valorizzazione dei prodotti e delle gastronomia del posto.

Gli Stand gastronomici aprono tutte le sere alle ore 19, proponendo la migliore gastronomia della Lunigiana e della Val di Magra: dai testaroli alle torte di verdura, dalla scarpazza alla focaccia tipica sarzanese, ed altre prelibatezze saranno i protagonisti indiscussi di “Sarzana a Tavola”.

SAGRA DELLO SGABEO

La Sagra dello Sgabeo si svolge tutti gli anni l’ultima settimana di luglio a Sarzana nell’area verde della pubblica assistenza.

Gli sgabei sono una specialità ligure basata su un impasto lievitato e poi fritto, ed in particolare della zona della provincia di La Spezia. La preparazione è piuttosto semplice, come del resto il loro aspetto ma la bontà è in equiparabile, vanno accompagnati con formaggi, salumi e creme; lo stracchino, i vari affettati (prosciutto crudo,cotto, salame, mortadella, culatello, pancetta e chi più ne ha più ne metta) o ancora la salsa di noci, il pesto o anche la Nutella sono indispensabili per gustare appieno questo piatto.

Contatta la Direzione

9 + 11 =